puff.svg

Walter Novellino

È morto a 74 anni Muhammad Ali Cassius Clay - Muhammad Ali   Walter Novellino Centrocampista offensivo, ha vissuto l'infanzia a San Paolo del Brasile dove era emigrato con la famiglia...

È morto a 74 anni Muhammad Ali

Cassius Clay – Muhammad Ali

 

Walter Novellino

Centrocampista offensivo, ha vissuto l’infanzia a San Paolo del Brasile dove era emigrato con la famiglia al seguito del padre in cerca di lavoro; nel 1965, la famiglia fa ritorno in Italia, dove al capofamiglia Giuseppe era stato garantito un posto di lavoro come capomeccanico.

Una volta tornato in Italia entra alle giovanili della Pomense e da qui passa al Legnano dove rimane due stagioni; nella seconda debutta in Serie C, sotto la guida di Carlo Sassi.

Notato dagli osservatori del Torino, questi lo portano in granata; qui è soprannominato Monzon da Giorgio Ferrini, per combattività e somiglianza col pugile.

Con il Toro esordisce in Serie A nel 1972-1973, nella sfida interna col Napoli.

Resta quella la sua unica presenza in granata, poiché la stagione successiva torna in C, in prestito alla Cremonese per espletare gliobblighi militari; rientrato alla base, è scartato dal dirigente Bonetto che lo definisce «un giocoliere», sicché passa a titolo definitivo all’Empoli, di nuovo in Serie C.

In Toscana disputa un campionato positivo, al termine del quale approda al Perugia di Ilario Castagner.

Coi grifoni, neopromossi per la prima volta in massima categoria, Novellino è titolare per tre stagioni consecutive, emergendo come uno dei migliori centrocampisti della Serie A.

Nel 1978 è acquistato dal Milan, con cui vince lo scudetto della stella; Novellino è impiegato da seconda punta a fianco di Stefano Chiodi, per la presenza diGianni Rivera nel suo ruolo naturale.

Resta coi rossoneri anche dopo lo scandalo del Totonero e conseguente declassamento d’ufficio della squadra, partecipando al vittorioso campionato di Serie B 1980-1981 e realizzando la rete decisiva per la promozione col Monza.

Dopo la nuova retrocessione col Milan in Serie B (stavolta sul campo) nel 1982, lascia Milano dopo 151 partite complessive e va all’Ascoli, con cui disputa le sue due ultime stagioni in A.

Nel novembre del 1984, dopo 4 gare coi marchigiani, scende in Serie B tornando per un biennio a Perugia.

Dopo la retrocessione dei grifoni in C1 nel 1986, chiude la carriera con una stagione da riserva al Catania, sempre in Serie B e anch’essa chiusa con una retrocessione].

In carriera ha totalizzato complessivamente 227 presenze e 30 reti in Serie A, e 103 presenze e 4 reti in Serie B.

 

Leave A Comment